giovedì 4 giugno 2015

RECENSIONE "BUNKER DIARY"

Salve amici ed amiche,
oggi vi recensirò un libro che ho ricevuto per il mio compleanno.

TITOLO:Bunker Diary

AUTORE: Kevin Brooks

GENERE: Thriller

CASA EDITRICE:Piemme

PREZZO DI COPERTINA:15 euro

TRAMA: Linus,sedici anni,insieme a quattro adulti e una ragazzina di nove,si trova intrappolato in un bunker,uno spazio claustrofobico da cui nessuno può fuggire.Sono stati rapiti da qualcuno che si è presentato loro ogni volta in modo diverso e non sanno perchè sono stati scelti.Spiati da decine di telecamere e microfoni perfino in bagno,dovranno trovare un modo per sopravvivere.Bunker Diary è un incubo da vivere sulla propria pelle attraverso le pagine del diario di Linus,in un'escalation di umiliazioni,meccanismi perversi e violenza fisica e psicologica innescati "dall'uomo di sopra".

                                            MIE CONSIDERAZIONI.

Appena ho visto questo libro ho pensato"deve essere mio"!E' stato semplicemente amore a prima vista.Sono una persona mooolto paranoica ma inspiegabilmente mi sento attratta da questo tipo di storie capaci di far "accapponare la pelle".Ho finito Bunker Diary in meno di tre ore e ne sono rimasta sconvolta.Come avrete capito,leggendo la trama, sei persone sono state rapite e chiuse in un bunker senza sapere perchè e come.La cosa più inquietante del libro,a parer mio,è il fatto che le motivazione "dell'uomo di sopra" sono del tutto ignote,e restano ignote fino alla fine del libro.La domanda che sorge spontanea è:"cosa spinge una persona o un gruppo di persone a compiere dei gesti così perversi e del tutto immotivati con lo scopo di infliggere tale dolore a dei propri simili?"E se non sai avere paura sono guai.La paura ha uno scopo.Ci tiene in vita".
L'ignoranza,la fragilità,la paura trasformano i protagonisti in animali,l'istinto di sopravvivenza prende il posto della ragione,tant'è che Linus e gli altri cominciano a dubitare del proprio essere."L'aspetto sporco e pallido,i passi pesanti,gli occhi stanchi...e il modo in cui camminavamo,con un entusiasmo privo di passione come quello dei prigionieri nel braccio della morte.Deboli,senza speranza"La cosa che ho trovato più interessante,nel libro è il fatto che l'autore descrivesse in modo meticoloso il modo nel quale i nostri protagonisti affrontavano la situazione:mette in luce l'egoismo di alcuni personaggi e l'altruismo e la bontà di Linus,rimasta inalterata nonostante la situazione."E' una bambina.E' troppo per lei.La lasci andare,la prego.Non le chiedo altro.La lasci andare.Pago io al posto suo,se è quello che lei ha deciso.Faccio quello che vuole.Mi dica e lo faccio.Però la lasci andare,la supplico"Parlando di Linus,devo dire di aver apprezzato il suo personaggio,un ragazzo coraggioso,che può aver tutto quello che vuole dalla vita,ma ha deciso di rinunciare per vivere per strada come un senzatetto.E' stato straziante vedere come cominciava piano piano a perdere la ragione e a diventare molto più debole...devo riconoscere che l'autore è stato veramente molto capace nel farci capire tutto ciò grazie al tipo di parole che
Linus utilizzava per comunicare attraverso il suo diario
.Questo libro mi ha fatto riflettere,mi ha fatto pensare a come avrei affrontato una situazione del genere,mi sono resa conto che alcune scelte sbagliate prese dai personaggi sarebbero state le stesse scelte che avrei compiuto io se mi fossi trovata al loro posto.Penso semplicemente che la paura,la violenza psicologica e lo stress mi avrebbero distrutto lentamente.Nessuno sarebbe riuscito a rimanere forte in una situazione del genere.A rendere il tutto ancora più inquietante è il fatto che,nel bunker,ci fossero telecamere ovunque (persino in bagno),come se una persona godesse nel vedere gli altri soffrire,spegnersi lentamente.Il forte realismo utilizzato dall'autore  ha reso possibile rivedermi in loro e immaginare di trovarmi al loro  posto .Ho trovato interessanti anche gli altri personaggi,chi per un motivo e chi per un altro,e anche i personaggi più odiosi,mi facevo pena,e mi spingevano a pregare e a sperare che tutta quella tortura finisse.La fine mi ha letteralmente stesa,non consiglio assolutamente questo libro ai deboli di cuore.XD A parte gli scherzi:se siete dei fans sfegatati di film come Saw o The Cube non posso far altro che consigliarvelo,altrimenti aspettate il periodo giusto per leggerlo,perchè è un libro sconvolgente,al quale non riuscirete di smettere di pensare per giorni.

E' questo ciò che i protagonisti ,ed in particolare Linus,si chiedono per tutto l'arco della storia

GIUDIZIO:Bellissimo.

12 commenti:

  1. Uh, non ero del tutto convinta, ma devo dire che mi hai mooolto incuriosita!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ilenia<3
      Ne sono felice!Fammi sapere se lo leggi:)

      Elimina
  2. Io ce l'ho sul comodino, non vedo l'ora di iniziarlo *___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rowan <3
      Fammi sapere se ti è piaciuto!

      Elimina
  3. Ciao carissima! Bellissima recensione e non so quando è stato il tuo compleanno, ma ti faccio tanti auguri lo stesso! Sono contenta che hai ricevuto un libro che desideravi tanto e soprattutto ti è piaciuto molto! Sinceramente solo da come ne hai parlato mi hai convinta! Aggiunto alla mia wish List! Un bacione cara! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara<3
      Il mio compleanno è stato il 30 Maggio,ti ringrazio per gli auguri**
      Anche io sono stata felicissima di aver ricevuto questo libro,e mi fa piacere averti incuriosito con la recensione.Un bacione:*

      Elimina
  4. Il tuo entusiasmi mi ha convinta quindi Bunker diary finisce dritto in wish list!

    RispondiElimina
  5. Non lo conoscevo, ma adesso deve essere mio!!!! *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Siannalyn<3
      Sono contenta che la recensione ti abbia incuriosita:)

      Elimina
  6. mi piace tantissimo! Me lo segno subito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Muriomu <3
      Sono contenta che ti ispiri:)

      Elimina

Lascia un segno della tua visita <3